Le piante come tutti gli essere viventi, purtroppo si ammalano. Ciò si verifica quando le normali condizioni si modificano, a causa di batteri biologici, o di scompensi chimici nel terreno.

I danni e i problemi più comuni capitano quando le condizioni ambientali sono alterate, o nei luoghi in cui le piante fanno fatica a crescere e svilupparsi.

I rimedi svilupparti negli ultimi decenni sono nati soprattutto da esigenze industriali e di produzioni in larga scala, ma sono prevalentemente sintetici o di natura chimica e spesso tossici sia per l' uomo che per molte piante. L' uso dei pesticidi significa introdurre nella natura qualcosa che non le appartiene e il compito dell' agricoltura biologica è proprio quello di limitarne l' uso e proporre rimedi che potenzino la naturale capacità di difesa delle piante o utilizzino sostanze già presenti nel terreno.

La corretta diagnosi delle malattie costituisce il presupposto fondamentale per una valida impostazione della difesa fitosanitaria ancor oggi spesso legata nel campo delle colture ortive, a schemi fitoiatrici non del tutto razionali e soprattutto non biologici.

Le schede che seguono forniscono un piccolo ma  pratico strumento diagnostico per l' identificazione delle affezioni crittogamiche più comuni che colpiscono le colture dei nostri orti. La minuziosa descrizione della sintomatologia e alcuni cenni di biologia rappresentano elementi di particolare utilità per una più corretta difesa delle piante.

Il glossario vi aiuterà nella ricerca e nella descrizione dei termini scientifici usati in queste pagine.