Il mese di aprile


I lavori nell' orto

In Aprile, l'attività nell'orto si fa più intensa perché in questo mese inizia o prosegue il ciclo di coltivazione di molti ortaggi che daranno i loro frutti dalla tarda primavera fino all'autunno. In questo periodo la temperatura si assesta su valori medi, anche se possono esserci ancora giorni con tempo instabile e ritorni di freddo che possono portare, qualche (seppur rara) gelata tardiva. Perciò è buona norma tenere sotto controllo la temperatura minima notturna servendosi di un termometro di minima e di massima (che segna la temperatura minima raggiunta durante la notte e quella massima raggiunta durante il giorno). Se di notte la temperatura dovesse scendere sotto i 12°C, è meglio proteggere le piante più esigenti in fatto di calore come le solanacee, le leguminose e le cucurbitacee con protezioni provvisorie (tunnel o piccole serre), da aprire durante le giornate di sole. Le piante così protette avranno una crescita più regolare e non subiranno danni da freddo.

Per proteggere gli ortaggi a portamento basso dai freddi tardivi primaverili può esser molto efficace l'utilizzo dei teli di tessuto non tessuto (o velo da sposa), che ha il vantaggio di non aver bisogno di sostegni perché si distende direttamente piante coltivate, basta fissarlo ai bordi delle aiuole con dei sassi o sei sacchetti riempiti di sabbia. In alcuni casi come le lattughe, si può lasciare sulla coltura anche fino al raccolto, dato che è molto leggero e lascia passare sia la luce che l'acqua

 Le semine e i trapianti

 

In questo mese si possono seminare: bietola da coste e da taglio, carota, cipolla colorata, cicoria e lattuga da taglio, prezzemolo, ravanello e rucola. Dalla fine di aprile e per le zone più fredde, solo sotto protezioni o in semenzaio: basilico, cetriolo e melone, pomodoro, sedano, anguria, zucca e zucchino.

Si possono trapiantare in pieno campo: cavolo cappuccio primaverile-estivo, cipolla colorata,lattuga a cappuccio primaverile-estiva; nelle zone più calde: anguria, basilico cetriolo, melanzana melone peperone e peperoncino, pomodoro, sedano, zucca e zucchino.

 

 

Trattamenti

 

In questo periodo gli ortaggi sono ancora nella prima fase di crescita, hanno dunque pochi problemi di malattie fungine, (trattare con Propogem e Equiseto) ma possono presentarsi attacchi di altiche (o pulci di terra) specialmente sulle piante in serra, in questo caso si può intervenire, trattando con Nopar e Ortica. Inoltre si può sistemare vicino alle piante attaccate, delle trappole cromotropiche di colore giallo, questi insetti sono attirati da questo colore e rimangono appiccicati sulla superficie vischiosa.


I lavori nel frutteto

La primavera è ormai iniziata in tutte le regioni della penisola, si registrano di tanto in tanto brevi gelate e qualche nevicata sui rilievi interni e nelle zone montane, ma le temperature hanno raggiunto livelli minimi che permettono la coltivazione di diverse specie fruttifere.

Nel mese di aprile le piante da frutto sono in piena fioritura, alcune dovranno subire diversi interventi, altre invece andranno lasciate sviluppare poiché si sarà già intervenuto su di esse nei mesi precedenti.

In questa guida vedremo quali lavori si devono effettuare nel frutteto, quali sono gli interventi di potatura di cui le piante hanno bisogno, i metodi di concimazioni, gli innesti e tutto ciò di

cui necessitano i fruttiferi più diffusi e coltivati.

 

Messa a dimora di nuove piante

 

Nei mesi precedenti chi aveva la necessità di coltivare nuove piante o di realizzare dei frutteti di monocoltura di pero e melo ha già provveduto a tutte le operazioni più importanti. L’operazione di messa a dimora in questo periodo interessa tutte le piante appartenenti al gruppo delle drupacee, gli agrumi e i piccoli frutti, vediamo però quali sono tutte le piante da frutto che è possibile coltivare:

Pesco Albicocco Mandorlo Ciliegio Olivo Castagno Actinidia Mandarino Limone Arancio

Susino piccoli frutti come lampone, mora, ribes, ecc.

 

La raccolta

 

in questo mese continuano gli interventi di raccolta dei principali agrumi tra cui arancio, limone e mandarino.

Inizia la maturazione di alcune varietà di pompelmo e si conclude quella del mandarino.

Trattamenti antiparassitari

Come nel mese precedente di Marzo anche in Aprile è necessario intervenire per far fronte alle prime infestazioni di parassiti e malattie di vario genere.

La lotta si effettua su molte piante da frutto,si continueranno quindi gli interventi che possono durare a seconda della specie fino al periodo estivo.

Tra le piante che necessitano di trattamenti fitosanitari ci sono:

Melo Pero Ciliegio Pesco Susino Albicocco Olivo Arancio e tutte le altre specie di agrumi.

 

Concimazioni

 

È tempo di somministrare le concimazioni a diverse specie da frutto. Gli interventi dovranno essere fatti sempre tenendo presente le esigenze della singola pianta in relazione alle altre concimazioni svolte nelle stagioni precedenti.

È possibile intervenire su meli, peri, alcune drupacee, olivo, castagno e tutte le specie di agrumi con concimazioni prevalentemente di tipo fogliare.

Altri lavori

In concomitanza con gli interventi di potatura dell’Albicocco è necessario valutare anche la necessità di un eventuale diradamento dei frutticini. In questo caso si agirà sulle ramificazioni più cariche e incapaci di sostenere il peso, dovrà essere valutata anche l’eventuale opzione di utilizzare dei pali per il sostegno dei rami.

Questa pratica richiede una momento preciso di intervento che è quello in cui i frutti hanno un diametro di 1-1,5cm e prima che questi si induriscano. I frutti che crescono troppo ravvicinati sono in genere più soggetti a marciumi e alla diffusione della pericolosa malattia denominata moniliosi.

Un altro lavoro che può essere fatto in questo mese sono le irrigazioni che in alcune zone divengono necessarie nel caso di assenza prolungata di precipitazioni, questa pratica interessa in particolar modo il mandorlo.

 

Tosatura di terreni inerbiti

 

Per i frutteti che ne hanno bisogno è opportuno effettuare in questo mese la tosatura dell’erba. Se è necessario applicare delle concimazioni si dovrà effettuare anche una leggera lavorazione superficiale del terreno che per i frutteti inerbiti sarà limitata alla zona delle radici delle singole piante.

Nei pescheti la tosatura dell’erba è anche un ottimo modo di fornire la sostanza organica di cui le piante hanno bisogno. L’erba decomponendosi rilascia nutrienti come l’azoto che è molto importante in fase di ripresa vegetativa.

 

Irrigazioni

 

Con l’avvicinarsi dell’estate iniziano anche gli interventi di irrigazione. Chi possiede un frutteto di grosse dimensioni ha a disposizione dei sistemi di irrigazione centralizzati che limitano di molto gli interventi manuali.

In aprile se le precipitazioni sono scarse e le temperature elevate sarà necessario provvedere ai primi interventi di adacquatura.


I lavori nella compostiera

 Con l’aumento della temperatura si avvicina il periodo dell’anno in cui la compostiera richiede più attenzione, quindi si dovranno aumentare i rimescolamenti se si sentiranno cattivi odori o perdita di liquidi. È opportuno ridurre la frazione organica togliendo gli scarti appetibili per le mosche e altri animali indesiderati. Si cominciano a tagliare le prime erbe, ma è meglio aspettare che si disidratino un po’ prima di introdurle nella compostiera.