SARCHIATURA


E' necessario  possedere almeno un tipo di zappa per lavorare la terra intorno agli ortaggi e alle piante ornamentali e da frutto. 

La sarchiatura ha sostanzialmente due funzioni, riduce le infestanti e in tal modo aumenta la disponibilità di luce e di sostanze nutritive; e alleggerisce la compattezza del suolo permettendo la penetrazione di aria vitale.

Si afferma anche che uno strato di terra fine sulla superficie agisca da pacciamatura impedendo un'eccessiva perdita d'acqua. 

Sono disponibili sul mercato molti modelli di zappe e sarchiatoi tra i quali scegliere, il più diffuso è il sarchiatolo a tiro; questo tipo di sarchiatoio ha una lama piatta portata all'estremità di due braccia di metallo che permettono alla terra di passare in mezzo. L'attrezzo viene tirato e spinto, appena sotto la superficie del suolo, in modo da recidere gli steli delle infestanti subito sotto il colletto. Se usato troppo in profondità si rivela meno efficace nel controllo delle erbacce. La zappa a tre denti ha l'aspetto di una forca a tre rebbi montata ad angolo retto all'estremità di un robusto manico. Si usa con un movimento di taglio e trazione e l'operatore procede camminando in avanti, non all'indietro come avviene invece con il sarchiatolo a tiro. Esistono in commercio anche altri modelli simili a questo ma dotati di lama continua. Il sarchiatolo a collo d'oca è del tipo a manico lungo. È l'attrezzo migliore per tracciare i solchi da semina ed è anche molto utile per rincalzare. Il sarchiatoio a mano ne costituisce una versione molto più piccola, e lo si può usare con una mano sola per diradare parecchie colture allo stadio di semenzali; si tengono ferme le piantine da conservare mentre le altre vengono recise dalla lama.