Polvere di roccia

Polvere di roccia si presenta come una polvere micronizzata in sospensione, conparticelle inferiori a 35 micron
Polvere di roccia

Polvere di roccia si presenta come una polvere micronizzata in sospensione, conparticelle inferiori a 35 micron. Per la sua struttura e composizione mineralogica, oltre ad apportare un buon quantitativo di silicio, fondamentale per la vita delle piante, forma una barriera protettiva naturale ad azione meccanica con funzione adesivante e persistenti sulle superfici aeree. Esplica un'azione chitinolitica verso insetti patogeni e ife fungine, nonché adsorbente verso le fasi liquide nella propagazione delle spore. In abbinamento a prodotti a base di rame e di zolfo, svolge un'attività sinergica per il contenimento di malattie crittogamiche

 La farina di roccia cosparsa sulle piante umide della rugiada del mattino (in assenza di vento e di pioggia) combatte gli afidi e previene le malattie fungine. Se si vuole che il trattamento risulti efficace, l’operazione andrà ripetuta frequentemente nelle settimane di maggiore vegetazione. Inoltre cosparsa a cerchio intorno alle aiuole normalmente attaccate dalle lumache, contribuirà ad allontanarle, logicamente non in caso di pioggia.

La polvere di roccia non è velenosa, ma un coltivatore attento deve sapere che questa polvere finissima va a tappare le fessure presenti sul corpo degli insetti, soprattutto quelle degli apparati respiratori, e opera indistintamente sia sugli insetti nocivi che su quelli utili. Quindi attenzione a respirarla!