Cavolaia

 

 La cavolaia è una comunissima farfalla di color bianco, con macchie nere. Le uova di color giallo-arancione, vengono depositate a piccoli mucchi sulla pagina inferiore delle foglie e da queste si dischiudono voracissimi bruchi di color verde oliva con striature giallastre ai lati.

I danni avvengono a scapito delle foglie: le larve di cavolaia se ne cibano distruggendo l' intero lembo e risparmiando solo le coste principali. L' attacco determina l'imbrattamento delle foglie

a causa delle deiezioni, che possono provocare marcescenze all'interno delle piante.

E' necessario intervenire alla comparsa dei primi sintomi individuabili nella rottura delle parti basali delle giovani piantine e nei segni di erosione al livello del colletto. La cavolaia è molto pericolosa e può distruggere interi raccolti. Per sconfiggere la cavolaia è consigliabile eliminare manualmente le uova e impolverare le foglie con farina di alghe calcaree. La difesa preventiva consiste nell'evitare la successione con qualsiasi crocifera o altre varietà di cavolo. Inoltre, per tutto il periodo di volo della cavolaia, è utile trattare le piante con decotto di tanaceto o assenzio, che svolge u azione repellente.