Cultivar Correggiolo  ( Toscana )

Vigoria molto elevata con portamento semipendulo, la chioma espansa è mediamente folta

Originaria del comprensorio fiorentino, si e' diffusa in tutta la Toscana dove ha anche assunto denominazioni diverse. Con il termine "Correggiolo" infatti vengono indicati anche olivi riconducibili ad altre "razze".

Ha manifestato scarsa tolleranza al freddo ed ai venti. Elevata e' la sensibilita' alla rogna, media al cicloconio.

Praticamente autoincompatibile (pochi frutti si possono generare per autoimpollinazione). 

Il 20-25% dei fiori presenta l'ovario abortito.

Ottimi impollinatori sono risultati "Razzo" e "Frantoio"; discreti "Gremignolo di Bolgheri" e "Grossolana".

A sua volta il "Correggiolo" ha presentato buona attitudine impollinante nei confronti di "Frantoio" e "Razzo".

La fioritura e' piuttosto precoce.

La produzione e' buona e costante; i frutti riuniti in grappoli maturano in modo scalare.

La resa in olio è elevata (19-20%) ed il prodotto è ritenuto di ottima qualità.

Le olive possono essere utilizzate anche per il consumo diretto.