Cultivar Coroncina ( Marche )


Cultivar marchigiana, diffusa nella provincia di Macerata, con maggiore concentrazione nei comuni di Caldarola e Serrapetrona, fino alle aree interne, ad altitudini superiori ai 600 m s.l.m.
Albero di media vigoria con portamento espanso; chioma poco voluminosa di media densità; rami fruttiferi lunghi e poco ramificati; internodi medi; foglie di dimensioni medio-grandi ed espanse.
Entrata in produzione delle piante precoce; produttività media e costante.
Drupa di dimensioni medie di forma ovoidale, talvolta con caratteristica sporgenza nella saldatura dei carpelli. Resa in olio medio-bassa, inolizione tardiva. Rapporto polpa-nocciolo medio-basso. Invaiatura tardiva e scalare. Consistenza della polpa e resistenza al distacco elevate fino a maturazione avanzata. Periodo ottimale di raccolta intorno a fine novembre, prima metà di dicembre.
Olio di ottima qualità, molto fruttato, amaro e pungente, con sentore di carciofo, di colore verde intenso, ad elevato contenuto in polifenoli e clorofilla e buon rapporto grassi insaturi/saturi.
Varietà autosterile, necessita di impollinatori quali Piantone di Mogliano, Pendolino e Maurino.
Sensibilità al freddo e alla rogna media, alla mosca bassa. 
Coltivata in terreni poveri e ghiaiosi per l’elevata resistenza alla siccità.