Timo (Thymus L., 1753) Fam. Lamiaceae

Timo (Thymus L., 1753) Fam. Lamiaceae
Timo vulgaris

Timo (Thymus L., 1753)

 

Il timo, comprende circa 360 specie. È una pianta a portamento arbustivo, semi-legnosa, molto ramificata alla base, tappezzante o a forma di cuscino, alta generalmente 30-40 cm. Le foglie sono piccole allungate, il colore varia dal grigio al verde all’argento, ricoperte da una fitta peluria in quasi tutte le specie.

I fiori sono piccoli tubolari, bilabiati di colore variabile dal bianco-rosato, intensamente profumate a seconda delle specie; ascellari, si sviluppano in infiorescenze a spiga. Sono ad impollinazione entomofila, soprattutto ad opera delle api. L’odore è molto intenso e caratteristico, il sapore leggermente piccante. 

Si adatta bene ai terreni poveri, anche pietrosi, gradisce terreni calcarei, ben drenati ed esige posizioni soleggiate. La semina avviene in marzo aprile preferibilmente in piccoli contenitori di torba o altro materiale, ricoprendo il seme con pochissimi millimetri di terriccio. Il trapianto verrà effettuato in autunno, disponendo le plantule distanziate 30 cm sulla fila e 50 cm tra le file.

Le specie più conosciute sono il Thymus vulgaris, e il Thymus citriodorus apprezzato per il suo profumo di limone.

Le foglie fresche  vengono largamente utilizzate in cucina per aromatizzare piatti di carne e pesce. 

 

 

 

 

 

 

 

Torna all' indice                                        Vuoi saperne di più, continua