Ciclo biologico della vite

Ci sono cinque fasi fondamentali che la vite compie nel suo ciclo biologico:

– Germogliamento

– Fioritura

– Allegagione

– Invaiatura

– Maturazione

Il germogliameto avviene in primavera, solitamente nel mese di marzo. Esistono tre tipologie di gemme:

1) Gemme pronte (o estive), che danno origine a rami che non produrranno uve da raccogliere.

2) Gemme dormienti, che si aprono in primavere e produrranno fiori e frutti.

3) Gemme inattive, che anche per molti anni non producono niente.

La fioritura è la comparsa dei fiori, avviene generalmente tra la fine di aprile e l’inizio di giugno.

L’allegagione è il cambiamento che avviene al fiore quando diventa frutto (acini), solitamente questa trasformazione avviene in piena estate (luglio).

La quarta fase del ciclo biologico della vite è l’invaiatura, i frutti che si sono formati durante l’allegagione, crescono fino a raggiungere la colorazione dell’acino, rosso o giallo a seconda della tipologia di uva.

La fase della maturazione avviene nei 40-50 giorni successivi all’invaiatura. Succede che l’acino aumenta di grandezza e oltre ad intensificare il colore, aumentano gli zuccheri in essi contenuti. Poi si sviluppa come una sorta di patina biancastra che funge da protezione, una difesa contro i lieviti che porterebbero alla fermentazione.

Questa è l’ultima fase del ciclo biologico della vite, ora i frutti sono pronti per essere raccolti, questo avviene in tarda estate o in autunno.