Anguria. (Citrillus volgaris) Fam. Cucurbitacee


Anguria. Citrillus volgaris
Anguria. Citrillus volgaris

L'anguria è un' ortaggio tipico delle zone temperate calde richiede un terreno di medio impasto, ben strutturato e provvisto di un buon drenaggio. Ottimi risultati si ottengono in terreni semi sabbiosi se si dispone di un notevole quantitativo di acqua. Il PH ottimale è tra il 5,5 e 6,5. Presentando l'anguria una elevata esigenza nutritiva è consigliabile un apporto sostanzioso di concime in misura di un cucchiaio raso di ternario a lenta cessione da interrare a 30-40 cm dalla pianta per non danneggiare le radici. Considerando la pacciamatura elemento importantissimo per questo tipo di piantagione le annaffiature verranno effettuate con impianto a manichetta installato precedentemente, con una frequenza di 2-3 volte la settimana, ed eliminandole del tutto in prossimità della maturazione per non provocare la spaccatura dei frutti. Per controllare la diffusione di fitopatie è bene evitare di ripetere sullo stesso appezzamento la coltivazione dell'anguria per almeno tre anni. La semina si effettua in pieno campo a fine marzo inizio aprile interrando 3-4- semi a buchetta e coprendo con 3-4 cm di terriccio ben sminuzzato. Per il sesto d'impianto ci manterremo su una distanza di 175-200 cm tra le file e 100-200 sulla fila. Dopo che le piantine hanno emesso la 4-5 foglia vera si procede con il diradamento, lasciando una sola foglia per postarella. Per non danneggiare le radici della piantina che rimarrà usiamo un coltello ben affilato per recidere il gambo delle altre. Negli orti familiari è d'uso la pratica della potatura che consiste nella cimatura del tralcio principale dopo la 3a e la 4a foglia, per stimolare l'emissione di fiori femminili sui tralci secondari. Quattro saranno i frutti da lasciare tra i più vicini al colletto.

 


Tutti gli altri ortaggi


Altre varietà di anguria


Anguria Varietà di Faenza


Antica varietà recuperata da Arcoiris grazie alla selezione operata dal Centro Ricerche Produzioni Vegetali di Cesena (CRPV).

Frutto medio-grosso di 4/8 Kg, buccia sottile di colore verde scuro. La polpa a maturazione è croccante, di colore rosso intenso e profumata con un grado zuccherino attorno ai 10-12 °Brix che la posiziona ai vertici per dolcezza.

La raccolta è a scalare a partire dai primi di agosto fino ai primi di settembre. 


Anguria  varietà Santa Vittoria


Pianta vigorosa, rustica a portamento strisciante e fusto ramificato. Il frutto è sferico e appena schiacciato sui poli, con superficie liscia di colore verde chiaro e righe longitudinali, di colore verde più scuro, strette e molto marcate. I frutti pesano 8-10 kg, con punte di 18-20 kg. La polpa è rossastra, profumata e discretamente dolce, considerato che alcuni cocomeri hanno raggiunto i 12° Brix.


Anguria gialla orangeglo


Questa varietà di anguria è tipica di alcune zone del Sud Italia, in particolare della Sicilia, della Basilicatae del Lazio, specie nel territorio dell’Agro Pontino. È proprio qui che potrete reperire delle angurie gialle di ottima qualità, tra i banchi dei mercati contadini locali oppure in qualche supermercato. Se non fosse per le sue dimensioni ridotte, l’anguria gialla potrebbe assomigliare molto alla sua “cugina rossa”. È la sua buccia a trarre in inganno: le sfumature e le geometrie sono più o meno le stesse, ma l’ “involucro” del frutto dorato si presenta più sottile.  

Se lo affettate, rimarrete estasiati dal tipico colore giallo paglierino della sua polpa, anche se... il bello deve ancora venire. All’assaggio, potrete mordere una polpa croccante come quella del mango, e godere di un retrogusto che ricorda molto quello dell’ananas e del fico d’india. Per descrivere l’anguria gialla in una sola parola diremmo: dissetante!


Anguria  varietà Caravan


Le angurie caravan sono ricchissimi di acqua e sostanze zuccherine pur avendo un potere nutritivo bassissimo, appena 15-26 kcal/100 gr (grassi e zuccheri dal 3,7% al 6,4% e buon tenore di Potassio, Sodio e Fosforo). Ciò significa che mangiandone un chilogrammo si raggiunge all'incirca il potere energetico di due uova sode. Il cocomero è il frutto simbolo dell'estate e infatti la sua produzione la si ottiene nei mesi di luglio e agosto. La temperatura ottimale di sviluppo è intorno ai 30°C. Il portamento della pianta è strisciante con rami e foglie lobate ricoperti da una fitta peluria.


Anguria  varietà Sentinel


Tempi di raccolta: 90 giorni

Consigli di coltivazione: Gradisce terreni ricchi di sostanza organica e ben concimati. Irrigare con maggiore abbondanza durante la formazione del frutto.

Esposizione e disposizione nell’orto: Predilige zone soleggiate, 1 pianta per metro quadrato

Caratteristiche della varietà: Pianta a ciclo medio. Frutto allungato, di colore scuro striato e grossa pezzatura (15 Kg in media). Polpa di colore rosso vivo intenso, molto ricca di zuccheri, croccante e scarsamente fibrosa.