Potatura di produzione e di rinnovo

Potatura di produzione

La potatura di produzione del ciliegio è finalizzata principalmente al alla conservazione della forma della pianta, sempre considerando che man mano che il ciliegio invecchia le ramificazioni produttive si sposteranno sempre più verso l’alto. Lo scopo principale è comunque quello di mantenere un buon rapporto tra quantità di vegetazione e quantità di produzione di frutti.

I tagli destinati all’aumento di produzione cercano comunque di contenere la produzione per quanto più tempo possibile sulla parte mediana della chioma. I tagli quindi si concentreranno in modo particolare sulla parte più alta della chioma alleggerendo in minima parte anche il resto.

Questi tagli di ritorno vanno fatti al disopra di una formazione a frutto breve, vanno così eliminati i dardi vecchi e i rami misti che hanno prodotto fiori soltanto nella parte apicale.

Potatura di rinnovo

Il ciliegio non tollera bene i tagli molto accentuati e in gran numero. Per questo motivo su questo fruttifero non si può parlare di una vera e propria potatura di rinnovo o di ringiovanimento.

Se ci si appresta a rimettere in sesto una pianta abbandonata a lungo le operazioni da fare sono comunque poche. Un ciliegio sviluppato con una forma naturale deve essere lasciato così com’è, inutile intervenire per cercare di ristabilire una produzione più bassa, la pianta avrà già prodotto una chioma espansa e piuttosto alta.

Nonostante questo gli interventi di potatura di rinnovo possono interessare lo sfoltimento interno della chioma eliminando le ramificazioni intricate e quelle troppo fitte. Ovviamente verranno eliminati i rami malati e quelli danneggiati con un taglio totale nel loro punto di origine.

Potatura verde

I tagli di potatura verde come descritto nei precedenti paragrafi riguardano principalmente piante in fase di allevamento.

Sulle piante a cui dovrà essere conferita la forma si effettueranno dei tagli estivi per stimolare la produzione di nuove ramificazioni, questi tagli dovranno essere fatti a carico delle branche principali nel primo anno di sviluppo della pianta e successivamente sulle nuove branche sostitutive.

Per maggiori dettagli puoi consultare la relativa spiegazione della forma di allevamento o di quella ad essa più simile nei paragrafi precedenti.

Altri accorgimenti

La produzione di gomma a volte molto rilevante è una reazione tipica della pianta di ciliegio, è causata principalmente da numerosi e/o grossi tagli sulle ramificazioni. Questo è un metodo naturale di difesa della pianta che le permette una cicatrizzazione più veloce delle parti danneggiate (tagli di potatura). I tagli grossi e le asportazioni generose di legno sono pratica da limitare soltanto nei casi necessari poiché possono provocare uno stress non indifferente alla pianta.

Nonostante ciò la produzione di gomma può verificarsi anche in seguito a tagli normali o tagli di portata ridotta, in questi casi è meglio rivedere il periodo di potatura facendo rientrare le operazioni nei tempi consigliati sopra. La pianta infatti è meno propensa alle secrezioni gommose in particolari periodi dell’anno.

Un accorgimento importante nell’allevamento iniziale della pianta di ciliegio è la cimatura dei germogli laterali. Questa pratica consente di anticipare l’entrata in produzione del ciliegio con vantaggi anche sul tempo di sviluppo dell’impalcatura di base.

Da tenere a mente anche che le potature verdi effettuate subito dopo la raccolta nel periodo estivo possono essere pericolose in quanto i tagli potrebbero subire una scottatura intensa da parte del sole. Valutare quindi attentamente se quello estivo è il periodo migliore per effettuare il taglio oppure l’operazione può essere rimandata più tardi ai primi giorni d’autunno. In ogni caso è possibile cospargere i tagli con latte di calce in modo da creare un sottile strato di difesa che rifletterà la luce solare.