Rizottoniosi (Rhizoctonia solani)

È una malattia provocata da un fungo polifago presente in natura e distinto in gruppi di anastomosi (AGs). R. solani AG-3 è il più specifico nei confronti della patata e persiste sottoforma di sclerozi (ammassi di ife che rimangono nel terreno, soprattutto sui tuberi-seme, per diversi anni) sulle parti sotterranee della pianta. La Rhizoctonia attacca prevalentemente le parti Ripogee: sulle radici produce macchie brunastre e depresse, che si ingrandiscono e approfondiscono fino a distruggere la radice, compromettendo l’accrescimento dei tuberi neoformati, su cui produce croste nere (sclerozi) facilmente confondibili con piccole croste di terreno scuro, e che permangono sulla buccia anche dopo ripetuti lavaggi. Dai tuberi il patogeno si può trasferire alle gemme e ai germogli (tacche brune, irregolari e depresse), e in alcuni casi (sopravvivenza dell’organo infetto e clima piovoso) persino ai fusti fuori terra. Negli attacchi più gravi le parti basali del fusto vengono ricoperte, per alcuni centimetri, da un manicotto bianco formato dagli elementi vegetativi e riproduttivi del fungo (sintomo caratteristico noto come “calzone bianco”). Il processo infettivo è favorito da una temperatura del terreno superiore ai 15-18 °C e da un’elevata umidità.